WASTE WATER, il tema della Giornata Mondiale dell’Acqua

21 marzo 2017 by

0saves

Il prossimo 22 Marzo celebreremo la Giornata Mondiale dellAcqua, istituita dalle Nazioni Unite nel 1993, con l’obiettivo di sensibilizzare e promuovere azioni concrete per tutelare le risorse idriche.

 

Il tema proposto quest’anno è WASTE WATER, ossia acque reflue o di scarico, quindi tutte le acque inquinate che raggiungono le acque superficiali.

 

Perché sprecare acqua?

È questo lo slogan della campagna che punta così a ridurre e riutilizzare le acque reflue, evitando lo spreco.

Nelle nostre case, siamo infatti in grado di riutilizzare le acque grigie per i nostri giardini, ad esempio. In città riusciamo a trattare e a riutilizzare le acque reflue per gli spazi verdi. Nell’industria e nell’agricoltura, trattiamo e ricicliamo le acque di scarico per i sistemi di raffreddamento e di irrigazione.

 

Sfruttando questa preziosa risorsa, faremo lavorare meglio il ciclo dell’acqua per ogni essere vivente e potremo così contribuire a realizzare gli obiettivi di sviluppo sostenibile lanciati nel 2015 che prevedono di garantire a tutti l’accesso all’acqua potabile entro il 2030, rendendo l’acqua un elemento chiave nella lotta per sradicare la povertà estrema.

 

Sempre entro questa data, il Goal 6 punta ad un miglioramento della qualità dell’acqua attraverso una riduzione dell’inquinamento, riducendo al minimo il rilascio di sostanze chimiche e di materiali pericolosi, dimezzando la percentuale di acque reflue non trattate e aumentando sostanzialmente il riciclo e il riutilizzo sicuro a livello globale.

 

Ecco alcuni dati al riguardo, rintracciabili anche sul sito World Water Day:

  • globalmente, oltre l’80% delle acque reflue generato dalla società rifluisce nell’ecosistema senza essere trattato o riutilizzato.
  • 1,8 miliardi di persone usano una fonte di acqua potabile contaminata da feci, esponendosi così al rischio di contrarre il colera, la dissenteria, il tifo e la poliomielite. L’acqua inquinata causa ogni anno circa 842.000 morti.
  • 663 milioni di persone non hanno ancora accesso a fonti di acqua potabile.
  • Entro il 2050, quasi il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle città, rispetto all’odierno 50%. Attualmente, la maggior parte delle città dei paesi in via di sviluppo non dispone di adeguate infrastrutture e delle risorse per affrontare la gestione delle acque reflue in modo efficiente e sostenibile.
  • Le opportunità di sfruttare le acque reflue come risorse sono enormi, perché gestite in sicurezza rappresentano una fonte accessibile e sostenibile di risorse idriche ed energia, sostanze nutritive e altri materiali recuperabili.
  • I costi di gestione delle acque reflue sono notevolmente superati dai benefici per la salute umana, lo sviluppo economico e la sostenibilità ambientale, oltre che per fornire nuove opportunità di business e la creazione di nuove occupazioni green.

 

 

Global Experiences in Water Reuse

Secondo questo recente rapporto curato da Resource Recovery and Reuse (RRR) – programma del CGIAR Research Program on Water, Land and Ecosystems (WLE) –  il volume totale delle acque reflue domestiche generato nel mondo ogni giorno è stimato tra i 180 e 250 miliardi di galloni (680 e 960 milioni di m³).

 

L’attuale capacità globale per il trattamento delle acque reflue a livelli avanzati è di circa 8 miliardi di galloni al giorno, o solo il 4 per cento del volume totale delle acque reflue che si genera (GWI 2009).

 

Il volume delle acque reflue trattate al di là del trattamento secondario per il riutilizzo è cresciuto con una media di 500 milioni di galloni al giorno (2 milioni di m³ / al giorno) ogni anno a partire dal 2000.

 

La produzione di acque reflue è destinata ad aumentare con la crescita della popolazione; con reti fognarie espanse c’è un grande potenziale per espandere l’ampiezza di acqua globale da riutilizzare.

 

I casi studio dimostrano che la pressione sulle risorse idriche mondiali è cresciuta drammaticamente, e che il cambiamento climatico sta alimentando siccità e inondazioni.

 

La scarsità d’acqua sta interessando le comunità di tutto il mondo, presentando al tempo stesso incredibili opportunità per lo studio e la ricerca di soluzioni innovative low-cost e a basso consumo energetico.

 

Il rapporto, molto accurato e dettagliato, prosegue esaminando i benefici, gli ostacoli e gli incentivi per il riutilizzo delle acque e delle acque reflue; delinea lo stato, la geografia e l’utilizzo, indica percorsi per espandere la scala di sicuro e sostenibile riutilizzo delle acque e dell’uso delle acque reflue in diversi contesti. (Per una lettura approfondita del Rapporto, cliccate qui).

 

 

Eventi 

Tantissimi saranno gli eventi a livello internazionale e nazionale previsti per celebrare la Giornata.

 

Sul sito è possibile trovare una mappa costantemente aggiornata, mentre in Italia tra le tante segnaliamo le iniziative promosse dal Politecnico di Milano che organizzerà seminari, conferenze e un workshop su “L’acqua e l’ingegneria: oggi e domani”.

 

La ONG Green Cross Italia, invece, ha lanciato la quarta edizione della campagna “Salva la goccia”, chiedendo alle scuole, alle famiglie e ai singoli cittadini di contribuire al risparmio idrico.

 

Al di là delle numerose manifestazioni e iniziative in programma, ognuno di noi potrà cogliere l’opportunità per cominciare a dare il proprio piccolo contributo nella vita di tutti i giorni.

 

 

A cura della redazione di Now How

Delitti contro l’ambiente

Precedente:

Delitti contro l’ambiente: la Cassazione interviene per la prima volta

Il cibo sano è il cibo sostenibile

Successivo:

Il cibo sano è il cibo sostenibile

Potrebbe interessarti