Rinnovabili: in testa la Cina, l’Italia fanalino di coda

03 dicembre 2014 by

0saves

Dopo due anni di difficoltà e di contrazione, il mercato mondiale delle energie rinnovabili torna a crescere in modo impetuoso. Tra le poche eccezioni, ahinoi, c’è l’Italia. Un recente rapporto di Bloomberg New Energy Finance sancisce infatti la decisa ripresa degli investimenti mondiali nelle tecnologie energetiche pulite: nei primi nove mesi del 2014 la crescita è stata del 16 per cento rispetto allo stesso periodo del 2013. Parliamo in tutto della rispettabilissima somma di 175,1 miliardi di dollari, con un incremento del 16% su base annuale. Guardando ai numeri dell’ultimo trimestre disponibile, quello tra luglio e settembre, emerge chiaramente come questa sia una tendenza assolutamente generalizzata su scala mondiale, guidata in primis dalla Cina. Con una eccezione significativa, purtroppo: quella dell’Italia, dove i flussi di investimenti in fonti pulite crolla in modo verticale.

 

A cura di Roberto Giovannini

 

Continua a leggere

la percezione del rischio influenzata dall’euristica

Precedente:

Che cosa rischio? Me lo dice l’Euristica

L’Italia recepisce la direttiva sull’efficienza energetica

Successivo:

Obiettivo efficienza

Potrebbe interessarti