Novamont, laboratorio di bioeconomia

12 gennaio 2015 by

0saves

Nota al grande pubblico anzitutto per il marchio Mater-Bi® di cui sono fatti i sacchetti biodegradabili della spesa, Novamont è un esempio di innovazione tutta italiana dalla profonda vocazione green. Non da ultimo, è un’azienda di successo guidata da una donna di successo, che ha fatto della sua solida formazione scientifica e della sua leadership gli strumenti per diffondere i principi della cosiddetta “bioeconomia”. Catia Bastioli, Amministratore Delegato di Novamont e Presidente di Terna, ci racconta come i valori dello sviluppo sostenibile siano alla base del successo di Novamont e come la bioeconomia possa diventare un’opportunità di crescita per l’intero Paese.

 

Continua a leggere

 

 

Catia Bastioli

Catia Bastioli
è AD di Novamont ed Inventore Europeo 2007 per le bioplastiche. Ha trasformato la sua ricerca in una realtà industriale oggi leader nello sviluppo e nella produzione di bioplastiche e biochemicals da fonti rinnovabili, mettendo in pratica la sua idea di Bioeconomia intesa come rigenerazione territoriale attraverso Bioraffinerie integrate che combinano chimica, agricoltura e ambiente.

La Venere degli stracci

Precedente:

La Venere degli stracci

Acqua da liquami, Bill Gates finanzia un innovativo sistema di depurazione

Successivo:

Acqua dai liquami, Bill Gates la finanzia (e se la beve)

Potrebbe interessarti