Milano in corsa per la resilienza

22 giugno 2015 by

0saves

La città che ospita Expo 2015 è stata scelta da The Rockfeller Foundation come una delle 100 città resilienti, ovvero in grado di sviluppare azioni e programmi per reggere meglio alle sfide urbane del futuro.

 

Expo è iniziata da quasi un mese, e già ci si interroga sui lasciti materiali e immateriali di questo grande evento sulla città di Milano, che la sta ospitando. Ma un primo risultato potrebbe essere già arrivato prima dell’inizio dell’Esposizione Universale: la città, infatti, è stata ammessa da The Rockfeller Foundation a entrare nel progetto delle 100 ‘resilient cities’ (città resilienti): http://www.100resilientcities.org

Resilienza è ormai la parola d’ordine dei contesti urbani. Termine mutuato dalla fisica – dove indica la flessibilità dei materiali in grado di resistere agli urti senza spezzarsi – l’aggettivo ‘resilienti’ è passato a indicare, in psicologia, la capacita di un individuo di reagire a eventi traumatici. Nel contesto dell’urbanistica, una città resiliente è quindi quella che sa rispondere a choc improvvisi di origine naturale o umana o anche adattarsi (senza rassegnarsi) a problematiche sociali croniche.

 

Continua a leggere

SISTRI: la riforma prima della (ri)partenza

Precedente:

SISTRI: la riforma prima della (ri)partenza

Il progetto WAVE a Milano

Successivo:

Pronti a cambiare idea

Potrebbe interessarti