L’altra metà del lavoro. Donne fra vita, salute e lavoro.

22 febbraio 2016 by

0saves

Il prossimo martedì 8 marzo, si terrà il convegno “Laltra metà del lavoro. Donne fra vita, salute e lavoro”, un evento organizzato dal Comitato Donne AiFOS, lAssociazione Italiana Formatori e Operatori per la sicurezza.

 

AiFOS sviluppa iniziative di formazione e informazione sui temi della prevenzione dai rischi, e in generale su salute e sicurezza. Negli ultimi anni si risente della necessità di trattare questi temi con punti di vista sempre diversi ed inclusivi, per migliorare la valutazione dei rischi, ma anche per proporre soluzioni culturali e formative in grado di raggiungere un vero risultato di prevenzione e salute nei luoghi di vita e di lavoro.

 

A luglio del 2015 ho avuto l’onore e la fortuna di diventare Presidente di SOFiA, il Comitato Donne AiFOS che ha proprio lo scopo di continuare a parlare di salute, sicurezza e prevenzione, introducendo un altro punto di vista in cui specchiarsi e ritrovarsi uguali, ma capaci di cogliere nuovi spunti e nuovi stimoli.

 

SOFiA é la Dea della saggezza, per questo lo abbiamo scelto come nome del comitato donne AiFOS, perché riteniamo che il fine ultimo di una buona formazione, principale attività statutaria di AiFOS, sia quello di rendere le persone più sagge in grado di scegliere proattivamente per la loro salute e sicurezza. La saggezza infatti è “una particolare connotazione o capacità propria di chi è in grado di valutare in modo corretto, prudente ed equilibrato le varie opportunità, optando di volta in volta per quella più proficua secondo la ragione e l’esperienza”.

 

Trattare secondo il punto di vista femminile i temi della salute e della sicurezza, significa valorizzare con saggezza tre focus importanti:

1. La saggezza nel gestire il fragile equilibrio stress e benessere: che si traduce con l’attenzione a preservare socialmente il fragile balance della donna fra mondo del lavoro e famiglia, che può impattare sulla salute, sulle scelte in sicurezza, sugli interventi di prevenzione.

2. La saggezza nel valutare i rischi in base alle peculiarità del punto di vista femminile: professionalità specifiche, rischi specifici, ambienti di lavoro specifici, ecc.. impongono un’attenzione diversa e focalizzata.

3. La saggezza del valorizzare il ruolo educativo della donna alla prevenzione e alla salute nella famiglia, nella scuola, nella quotidianità, perché la cultura del comportamento sicuro sia diffusa e basata su valori forti.

 

I tre focus scelti vogliono semplicemente guidare l’attenzione del comitato, non limitarla, così come una sorta di effetto Serendipity, o Serendipità, che indica un tipico elemento della ricerca scientifica, quando scoperte importanti avvengono mentre si stava ricercando altro.

 

Nel convegno dell’8 marzo, l’obiettivo è quello di riunire per la festa della donna prospettive diverse e temi diversi: da quelli più tecnici e settoriali come la sicurezza in ambito sanitario ad aspetti più generali di salute come il fumo, da temi caldi come il mobbing e lo stalking in ambiente di lavoro, fino alla condivisione di pratiche per la gestione dello stress che coinvolgano il nostro corpo e la relazione con gli altri.

Parleremo inoltre di work life balance e politiche di pari opportunità e di come un’economia al femminile sia portatrice di benefici per tutti e possa essere un’economia per tale motivo più sostenibile.

 

Con SOFiA vogliamo quindi coltivare la cultura della prevenzione perché la sicurezza sia un sostantivo femminile e insieme possiamo portare avanti una visione più completa della nostra salute.

Dall’Etiopia, storie di prezioso riciclo nelle foto di Eric Lafforgue

Precedente:

Dall’Etiopia, storie di prezioso riciclo nelle foto di Eric Lafforgue

Jo Atherton e gli arazzi che vengono dal mare

Successivo:

Jo Atherton e gli arazzi che vengono dal mare

Potrebbe interessarti