Il Risiko dell’energia europea

23 settembre 2014 by

0saves

Viene talvolta definito come il “Risiko dell’energia”. Ma a differenza del celeberrimo gioco da tavolo è una cosa molto seria, come scopriremo nei prossimi mesi addentrandoci nell’inverno. La crisi in corso tra Ucraina e Russia ha messo in moto serie conseguenze politiche, più serie ancora per un paese come l’Italia, che come la Germania (ma meno di Austria e Slovacchia) dipende fortemente per il suo fabbisogno energetico dal gas russo. L’Italia, in particolare, nel corso del 2013 ha ricevuto dalla Russia ben 24 dei 62 miliardi di metri cubi di gas che ha dovuto importare. E anche se siamo in grado di rifornirci anche da Norvegia, Libia, Algeria, e Olanda, si capisce bene che un fattore di rischio che riguarda il 37% delle nostre importazioni non è cosa da prendere alla leggera…

 

Continua  a leggere

Il WWF propone di inserire il capitale naturale nel calcolo del PIL

Precedente:

Capitale naturale: il vero PIL sommerso?

Il fenomeno Yimby si diffonde in contrapposizione al Nimby

Successivo:

Attento Nimby! Ora hai un nemico

Potrebbe interessarti