Il libro che ti salva la vita

10 luglio 2014 by

0saves

Un metodo per trasformare il mondo in un posto più sicuro

In occasione della “Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro” 2014, è uscito per Sperling & Kupfer Il libro che ti salva la vita scritto da Sabatino De Sanctis e Davide Scotti.

 

Sabatino, medico ai vertici di Saipem. Davide, giovane manager della stessa società. Due percorsi diversi uniti da una sfida comune: battere la piaga degli incidenti sul lavoro. Per farlo, sperimentano una strada innovativa e spericolata: al bando manuali e formulari, scelgono di mettere attorno allo stesso tavolo non gli operai, ma chi li governa ai vari livelli, chi dà loro il ritmo di lavoro, chi impone le priorità e le tempistiche.

 

Continua a leggere

 

Autori: Sabatino De Sanctis e Davide Scotti

Prefazione di: Diana Bracco

Postfazione di: Alberto Meomartini

 

Sabatino De Sanctis

Medico abruzzese, da più di venticinque anni nel mondo dell’industria petrolifera, ha lavorato nei luoghi più remoti dei cinque continenti. In questi anni in Saipem ha sviluppato con un team di persone straordinarie, Davide Scotti compreso, un programma di cambiamento culturale sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e di prevenzione sanitaria che non ha eguali. Dalla sua visione è nata la fondazione LHS (Leadership in Health and Safety), che si occupa di formazione e comunicazione nelle aziende e con i privati. Ama la bicicletta.

Davide Scotti

Manager piacentino, laureato alla University of Aberdeen, ha vissuto otto anni nel Regno Unito. Dopo una carriera internazionale nell’industria petrolifera, è Segretario Generale della fondazione LHS. È coproduttore di tre cortometraggi di successo e iniziative mirate a favorire il cambiamento culturale in ambito di salute e sicurezza. Tiene corsi su questo tema in Italia e all’estero. È tifoso del Piacenza Calcio.

 

NowHow_Shortology_Beatles

Precedente:

Shortology: apologia della sintesi

Direttiva emissioni industriali, un decalogo per una buona relazione ambientale

Successivo:

Direttiva emissioni industriali: decalogo per una buona relazione ambientale

Potrebbe interessarti