Diario di bordo di una giornata sicura in raffineria

15 giugno 2014 by

0saves

La giornata del CSE[1] in raffineria (d’ora in poi la “Grande Macchina”), come quella di un buon Capitano, inizia presto. Alle 7.00 si passano i tornelli con un occhio sui tabelloni che indicano gli indici infortunistici e si fanno i gesti scaramantici.

Negli uffici si avvia il PC e si risponde alle email urgenti. Vi sono sempre tante novità in un ambiente destinato alla produzione di benzine e affini e quindi gli scenari cambiano continuamente ed è molto importante riuscire velocemente a cambiare l’ordine delle priorità e darne immediata e corretta comunicazione a tutte le Funzioni coinvolte (in queste circostanze i diversi “equipaggi” possono contare diverse centinaia di persone…).

 

Ecco il racconto di questa giornata nella Grande Macchina…

[1] Coordinatore sicurezza in fase di esecuzione

 

toni fanelliToni Fanelli

Toni è un manager di MWH. Dal 2009 ha implementato i servizi di consulenza HSE (Health Safety Environment) per diverse società leader del settore oil and gas e tuttora gestisce un team coinvolto in questi progetti costituito da una squadra di circa 20 professionisti per un budget che sfiora i 2 ML di euro l’anno.

 

saverio mancaSaverio Manca

Nato a Cagliari, 40 anni, Ingegnere civile indirizzo strutture, da 3 anni collabora con MWH. Attualmente è Responsabile Lavori, CSE, Consulente e Responsabile di sito a Livorno.

     

Acqua-energia, un nesso indissolubile

Precedente:

Acqua-energia, un nesso indissolubile

Impronta idrica e agricoltura: l’opinione di Coldiretti

Successivo:

Impronta idrica: l’agricoltura pensa al futuro

Potrebbe interessarti