Costi dell’acqua: l’Italia si adegua ai criteri europei per la loro determinazione

20 maggio 2015 by

0saves

Tra gli obiettivi imposti dalla cosiddetta “direttiva acque” (direttiva 2000/60/CE del 23 ottobre 2000) ai fini della tutela dei corpi idrici, ce ne sono alcuni che si richiamano a due principi fondamentali – il “recupero dei costi dei servizi idrici” (cosiddetto “full cost recovery”) e il ben noto principio del “chi inquina paga” – peraltro legati tra loro, in quanto l’analisi economica dei costi dei servizi idrici (compresi quelli ambientali e della risorsa) deve essere svolta tenendo conto del principio del “chi inquina paga”.

 

Continua a leggere

Valutazione di impatto ambientale

Precedente:

Valutazione di impatto ambientale: nuove regole per le regioni

Una start up italiana depura le acque con i tappi riciclati

Successivo:

Depurare le acque con i tappi di plastica riciclati…un’idea tutta italiana

Potrebbe interessarti